Loading...
Spettacoli 2018-09-11T10:06:58+00:00

Spettacoli

Chi si occupa delle attività che promuovono l’allestimento di uno spettacolo, dall’autore al grafico che realizza la locandina, devono avere coscienza della società in cui vive uno spettacolo, non si tratta di dare delle risposte, né di analizzare la società o un periodo storico, basta avere consapevolezza della realtà in cui si opera, bisogna suscitare delle domande, dei dubbi, per questo è ancora emozionante andare a teatro.

Qualsiasi evento spettacolare deve essere pensato come uno spazio in cui si favorisce lo scambio di esperienze, uno scambio tra artisti e tra artisti e spettatori, deve creare immagini nuove allo spettatore, che vive in una società fintamente democratica, in cui ci uniformano dalla nascita ad un unico e determinato stile di vita, è la società a dettare i nostri bisogni, le nostre necessità, e la cultura è di intralcio.

Il bisogno di cultura occupa un peso sempre meno importante: ascoltare musica senza fare altro, leggere un libro, raccontare la storia della buona notte ai propri figli, visitare musei e gallerie d’arte, andare a teatro, tutte cose che richiedono uno sforzo maggiore rispetto alla velocità con cui puoi soddisfare gli altri bisogni, richiedono lo sforzo di pensare, di meditare, di essere curiosi, eppure Bertold Brecht fa dire a Galileo, prima che gli vengano mostrati gli strumenti, “Il pensiero è uno dei più grandi divertimenti della razza umana.”